Il Ministero dello Sviluppo Economico ha individuato cinque nuove aree di crisi industriale complessa, che rispondono ai requisiti di cui all’articolo 27 del DL 83/ 2012 e del DM attuativo 31 gennaio 2013. Per i Comuni così individuati, si avvia l’iter di predisposizione dei Progetti di Riconversione e Riqualificazione Industriale (PRRI) delle aree, al fine di favorire:
- la ripresa delle attività industriali;
- la salvaguardia dei livelli occupazionali;
- il sostegno dei programmi di sviluppo;
- l’attrazione di nuovi investimenti;
- la riqualificazione e il recupero ambientale.

Le cinque nuove aree di crisi industriale complessa sono precisamente:
- Savona nella Regione Liguria (decreto 21 settembre 2016);
- Terni - Narni nella Regione Umbria (decreto 7 ottobre 2016);
- Frosinone nella Regione Lazio (decreto 12 settembre 2016);
- Porto Vesme (decreto 13 settembre 2016);
- Porto Torres nella Regione Sardegna (decreto 7 ottobre 2016).

L’intervento prevede un’azione congiunta tra Amministrazioni centrali e regionali, al fine di attivare i diversi strumenti messi in campo per il rilancio del territorio.

PER INFORMAZIONI RIVOLGERSI A:

Riferimento: Paola Russo - Strumenti di Politica Industriale
Telefono: 081.5836.400 | E-mail: russo@unindustria.na.it

Centro Studi

Area Stampa