ARERA ha pubblicato sul proprio sito istituzionale una nuova comunicazione per gli operatori, la quale fissa un  ulteriore differimento al 30 aprile 2020 della chiusura delle raccolte dati “Qualità del servizio di gestione tariffe e rapporti con gli utenti” e “Qualità del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani”.

In particolare, l'Autorità comunica quanto segue:

"In considerazione del perdurante stato emergenziale da COVID-19, nonché delle stringenti misure adottate a livello nazionale per il contrasto e il contenimento del diffondersi del diffondersi del virus, si comunica che la chiusura delle raccolte dati "Qualità del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani" e "Qualità del servizio di gestione tariffe e rapporti con gli utenti", avviate, rispettivamente, con le determinazioni 10 ottobre 2019, 3/DRIF/2019, e 18 dicembre 2019, 4/DRIF/2019, è ulteriormente differita al 30 aprile 2020."

La comunicazione di ARERA fa seguito alla precedente, sullo stesso tema, pubblicata in data 17 marzo che consentiva di trasmettere i dati e le informazioni richiesti nell'ambito delle raccolte dati "Qualità del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani" e "Qualità del servizio di gestione tariffe e rapporti con gli utenti", avviate, rispettivamente, con le determinazioni 10 ottobre 2019, 3/DRIF/2019, e 18 dicembre 2019, 4/DRIF/2019, entro e non oltre il 3 aprile 2020.

Per eventuali informazioni e supporto di tipo tecnico inerenti all'Anagrafica Operatori e alla raccolta dati è possibile contattare il numero verde: 800 707 337, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.30, o l'indirizzo email infoanagrafica@arera.it.

Il comunicato è presente al seguente link: https://www.arera.it/it/comunicati/20/200326r.htm 

Per quanto concerne, invece, la  Determinazione N. 13/DAGR/2020 che proroga dal 28 febbraio al 31 marzo il termine ultimo per l’invio, tramite il sistema informatico di comunicazione dell’Autorità, dei dati relativi alla contribuzione per i soggetti operanti nel ciclo integrato dei rifiuti, Confindustria ha scritto nei giorni scorsi all'Autorità per comprendere i motivi del mancato ulteriore differimento, vista la situazione attuale, e abbiamo provveduto in data odierna a un'ulteriore richiesta, non avendo avuto, a oggi, alcun riscontro.

 


PER INFORMAZIONI RIVOLGERSI A:

Riferimento: Francesco Mazzeo - Ambiente, Energia, Sicurezza Lavoro
Telefono: 081.5836.143 | E-mail: mazzeo@unindustria.na.it

Riferimento: Antonio Ciccarelli - Ambiente, Energia, Sicurezza Lavoro
Telefono: 081.5836.153 | E-mail: ciccarelli@unindustria.na.it

Centro Studi

Area Stampa