Il 26 novembre 2018 il Comitato nazionale di revisione degli standard in materia di sicurezza alimentare del Governo cinese ha aperto una consultazione pubblica relativamente ad una proposta di modifica della norma cinese sull’etichettatura degli alimenti.

La proposta, volta ad emendare lo standard GB7718-2011:

  • Introdurrebbe alcune indicazioni che devono accompagnare la denominazione dell’alimento;
  • Modificherebbe le definizioni di data di produzione e di shelf life;
  • Eliminerebbe l’attuale definizione di campo visivo principale;
  • Introdurrebbe norme relative alle modalità di evidenza della denominazione dell’alimento;
  • Modificherebbe le attuali disposizioni relative all’indicazione degli ingredienti e all’etichettatura degli additivi alimentari;
  • Introdurrebbe nuove disposizioni sull’indicazione quantitativa degli ingredienti;
  • Modificherebbe i requisiti in materia di leggibità, ridefinendo l’altezza minima e le dimensioni del packaging volte a prevedere specifiche esenzioni;
  • Introdurrebbe disposizioni specifiche per specifiche categorie di alimenti e per gli alimenti importati.

Lo standard sulle regole generali di etichettatura degli alimenti è stato incluso nella revisione dei National Food Safety Standards nel 2016.

Nel 2017 il Governo ha avviato una consultazione degli stakeholders, raccogliendo commenti e suggerimenti volti a migliorare le disposizioni in materia di etichettatura.

A seguito di tale consultazione, che ha evidenziato altresi’ aree oggetto di contenzioso a causa della non semplice applicazione, il Governo cinese ha istituito un gruppo di lavoro che ha presentato nel corso del 2018 la propria proposta.

A seguito della consultazione pubblica il Governo deciderà se adottare la proposta o emendarla secondo le indicazioni ricevute.

 

 

Centro Studi

Area Stampa