L'Assessorato all'Agricoltura della Regione Campania, in collaborazione con altri enti territoriali e con Slow Food sezione Campania, parteciperà   edizione del Salone Internazionale del Gusto 2016 che si terrà a Torino - dal 22 al 26 settembre 2016.
Giunto alla undicesima edizione, l'evento si afferma a livello internazionale come un momento  centrale nel calendario fieristico del settore agroalimentare dedicato alla cultura del cibo.
Per questa edizione, che si svolge nel cuore di Torino e che coinvolge i luoghi piu belli della citta', Il format sarà, come di consueto, quello del "mercato", con la possibilita' quindi per i partecipanti di esporre e vendere i prodotti ai visitatori
L'Assessorato all'Agricoltura della Regione Campania che sposa a pieno il tema dell'edizione 2016 ""voler bene alla terra"  sara' presente con l'intera gamma delle eccellenze del territorio regionale  e dei presidi campani su di uno spazio espositivo di circa mq. 500.
Successive circolari  dello scrivente Assessorato  indicheranno le modalita' organizzative e quantificheranno  il contributo esatto, compreso tra 500,00 e 700,00 euro oltre IVA, che le aziende dovranno  versare agli organizzatori della manifestazione mediante  bonifico bancario previa emissione di  regolare fattura.

Filiere produttive ammesse
Saranno ammesse le seguenti filiere produttive:
  • enologica
  • lattiero-casearia
  • conserve
  • pasta artigianale, dolciaria e prodotti da forno
  • olivicolo-olearia
  • ortofrutta e frutta secca
Presentazione delle domande
Le aziende della filiera dell'agroalimentare campano interessate potranno far pervenire, entro e non oltre le ore 13,00 del 19 agosto 2016, la MANIFESTAZIONE D'INTERESSE a portale.agroalimenta@regione.campania.it.
L'istanza va compilata in tutte le sue parti indicando le tipologie merceologiche che si intendono presentare.
Formazione della graduatoria
Le graduatorie saranno formate in base ai seguenti criteri:
Saranno ammessi in ordine prioritario :
• i consorzi di tutela di  prodotti  a marchio delle suddette filiere agroalimentari;
• i produttori delle suddette filiere agroalimentari con sede nei territori provinciali;
Ad ogni impresa sarà assicurato uno spazio di  circa 5 mq, allestito in conformità agli standard della fiera, e la partecipazione alle attività promozionali.
Costituirà causa di esclusione dalla presente procedura  le domande di partecipazione pervenute prima della pubblicazione del presente bando e dopo la sua scadenza.

Criteri di attribuzione del punteggio
  1. a) Certificazione di qualità del prodotto (DOP, IGP, biologico) fino a 20 punti
    n 1 certificazione: 10 punti
    2 certificazioni: 20 punti
  2. b) Prodotto Tradizionale (DM 350/99 e ss.mm.): 5 punti
  3. c) Processi produttivi fino a 25 punti
    coltivazione: 10 punti
    trasformazione: 5 punti
    coltivazione e trasformazione: 25 punti.
Le imprese aderenti al marchio regionale Sapore di Campania saranno valutate alla stregua delle imprese in possesso delle certificazioni di cui al punto a) del presente bando. Ciò in virtù del fatto che detto marchio è stato registrato come marchio comunitario presso la DG-AGRI dell'UE con n. di ordine 332 e pubblicato sul Bollettino dei Marchi Comunitari n. 2011/015 del 24.01.2011.
  1. d) Età del titolare dell'azienda fino a 25  punti
    < 30 anni: 25 punti
    30-40 anni: 20 punti
    40-50 anni: 15 punti
    50- 60 anni: 10 punti
    > 60 anni: 5 punti
  2. e) Fatturato fino a  30  punti:
    sino a € 20.000 10 punti
    da € 20.000 a € 100.000: 20 punti
    > € 100.000 a € 200.000: 30 punti
    > € 200.000 a € 300.000: 20 punti
    > € 300.000  € 500.000: 10 punti
    > € 500.000: 5 punti
Totale punti pari a 100. I punti a) e b) non sono cumulabili.
Nel caso pervenissero un numero di adesioni superiori alla disponibilità sarà effettuata una selezione delle imprese, tenendo conto inoltre della:
- potenzialità strutturale e commerciale;
- affidabilità professionale rapportata a precedenti partecipazioni ad eventi.
Le istanze pervenute saranno  valutate da apposita Commissione costituita da  funzionari regionali e dirigenti Slow Food sezione Campania che predisporra' apposita graduatoria di merito  delle imprese ammesse alla partecipazione al Salone del Gusto 2016.
La documentazione attestante le certificazioni, allegate alla domanda, potranno essere presentate o in copia conforme all'originale o con autocertificazione ( Art. 46 e 47, T.U. D.P.R. n.445 del 28/12/2000 ) con fotocopia del documento di riconoscimento del legale rappresentante dell'azienda. Non sono ammesse nella collettiva della Regione Campania aziende presenti al Salone del Gusto anche in altri spazi espositivi.

Centro Studi

Area Stampa