La disciplina fiscale di responsabilità solidale negli appalti - recata dall’articolo 13-ter del decreto legge 22 giugno 2012, n. 83 - continua a generare notevoli criticità applicative, nonostante gli sforzi interpretativi dell’Agenzia delle Entrate che, con i suoi chiarimenti, ha cercato di agevolare le imprese nella corretta applicazione di una norma poco chiara e di assai difficile interpretazione (si veda, al riguardo, la nostra news del 4 marzo 2013).

In attesa dell’auspicata revisione normativa della disciplina ad opera del Legislatore italiano, Confindustria ha presentato alla Commissione Europea una formale denuncia (complaint) - ai sensi dell’articolo 258 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea - per evidenziare l’incompatibilità con il diritto comunitario di tale disciplina, limitatamente ai profili relativi all’imposta sul valore aggiunto.

L'iniziativa, si fonda sull’analisi dei principi più volte richiamati dalla Corte di Giustizia dell’Unione europea, che devono sempre ispirare l’interpretazione del diritto comunitario e della disciplina IVA. Tra questi, in particolare, quelli secondo cui:

  • le amministrazioni fiscali hanno il divieto di trasferire sui contribuenti i propri compiti di controllo;
  • i casi di responsabilità solidale sono ammessi solo qualora venga comprovato un concorso dell’obbligato solidale nella frode dell'obbligato principale;
  • le sanzioni devono essere sempre proporzionate alla gravità delle violazioni commesse;
  • è necessario salvaguardare il rispetto della parità di trattamento delle operazioni interne e delle operazioni effettuate tra Stati membri da soggetti passivi (principio di non discriminazione).

Si allega il testo della denuncia presentata formalmente da Confindustria alla Commissione Europea. Si segnale, inoltre, che in allegato alla denuncia è ricostruita l’intera evoluzione normativa della disciplina fiscale di responsabilità solidale, dal decreto legge 4 luglio 2006, n. 223 fino ai chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate del 1° marzo scorso.
 


PER INFORMAZIONI RIVOLGERSI A:

Riferimento: Cristiana Borrelli - Economia d’Impresa e Internazionalizzazione
Telefono: 081.5836.220 | E-mail: borrelli@unindustria.na.it

Centro Studi

Area Stampa