Il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) ha approvato il Programma nazionale per la Ricerca per il periodo 2015-2020. Nel primo triennio 2015-2017, il PNR prevede investimenti complessivi  pari a 2.428,60 milioni di euro, di cui:

1928,60 a carico del bilancio del MIUR e del PON ricerca;
– 500 milioni di euro a carico Fondo sviluppo e coesione (FSC) 2014-2020.

Le risorse complessive stanziate dal MIUR per il periodo 2014-2020 sono pari a 4.656,60 Milioni di euro a cui si vanno ad aggiungere 9.400,00 Milioni di euro di risorse POR e Horizon 2020.

Elemento di novità del Piano Nazionale della Ricerca è  la suddivisione nelle seguenti 12 Aree di specializzazione del sistema della ricerca applicata:

1. Areospazio
2. Agrifood
3. Cultural Heritage
4. Blue Growth
5. Chimica Verde
6. Design Creatività e Made in Italy
7. Energia
8. Fabbrica Intelligente
9. Mobilità sostenibile
10. Salute
11. Smart, Secure and Inclusive Communities
12. Tecnologie per gli Ambienti di Vita


Il PNR è basato su sei linee di azione:
  1. Internazionalizzazione - risorse stanziate: 107.4 Meuro
  2. Capitale umano - risorse stanziate: 1.020.4 Meuro
  3. Programma nazionale infrastrutture - risorse stanziate: 342.9 Meuro
  4. Cooperazione pubblico privato e ricerca industriale - risorse stanziate: 487.1 Meuro
  5. Efficacia e qualità della spesa - risorse stanziate: 34.8 Meuro
  6. Programma per il Mezzogiorno - risorse stanziate: 436 Meuro

Nell'ambito della cooperazione pubblico-privata - a cui sono destinati 487.1 milioni euro-  rientrano gli interventi a beneficio dei Cluster Tecnologici Nazionali (CTN).

I CTN sono passati dagli 8  già avviati  -  Aereospazio, Agrifood, Chimica verde, Fabbrica Intelligente, Mobilità e Trasporti, Salute, Smart Communities, Tecnologie per gli Ambienti della Vita - a 12.


I 4 nuovi Cluster Tecnologici Nazionali sono:

1. Blue Growth
2. Design Creatività Made in Italy
3. Energia
4. Cultural Heritage



Centro Studi

Area Stampa