Trasmettere ai giovani competenze specialistiche e favorire il ricambio generazionale nei mestieri artigianali, questi i principali obiettivi che Italia Lavoro, nella qualità di Soggetto ideatore e attuatore,  intende perseguire, attraverso l’attivazione di tirocini in azienda e la promozione di un sistema di “Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione” .

La Bottega di Mestiere e dell’Innovazione si configura come un raggruppamento di imprese in grado di trasferire alle nuove generazioni competenze specialistiche volte a salvaguardare il ricambio generazionale nei mestieri artigianali, stimolare la nascita di nuova imprenditoria, favorire i processi di innovazione e di internazionalizzazione, promuovere lo sviluppo di reti su base locale.

I progetti di Bottega possono essere presentati da raggruppamenti (costituiti o costituendi) formati da un Soggetto Promotore e uno o più Soggetti Ospitanti (massimo dieci) costituiti in una delle seguenti forme:

- Consorzio;

- Associazione Temporanea di Imprese o di Scopo (ATI/ATS);

- Contratto di rete;

- Partnership;

- Altre forme regolamentate. 

Sono Soggetti Promotori gli enti pubblici o privati abilitati a promuovere tirocini così come individuati nelle Linee guida nazionali e nelle normative regionali di riferimento.

Beneficiari
Giovani, disoccupati o inoccupati, tra i 18 e i 35 anni. 

Borsa per il tirocinante

  • 500 euro lordi al mese per i tirocini effettuati nella regione di residenza
  • 500 euro lordi al mese + indennità di mobilità per i tirocini effettuati in mobilità geografica nazionale
  • per i mesi di tirocinio in mobilità geografica transnazionale, indennità di mobilità parametrata sulla base delle tabelle inviate dal Ministero del Lavoro alle Regioni

Durata del tirocinio
6 mesi 

Contributo per i soggetti promotori
Massimo 500 euro lordi per ciascun tirocinio di 6 mesi per il tutoraggio organizzativo individuale

Contributo per le aziende ospitanti
Massimo 250 euro lordi mensili per il tutoraggio di ciascun tirocinante

Ogni Bottega dovrà prevedere l’inserimento di un numero di tirocinanti compreso tra un minimo di sette e un massimo di dieci.

 Tipologie di Bottega

  • Botteghe “settoriali”: attivate in una logica di settore, coinvolgendo aziende integrate in senso orizzontale che operano allo stesso stadio di un ciclo produttivo in uno degli otto comparti previsti dall’Avviso (Abbigliamento-Moda; Agroalimentare Enogastronomia Ristorazione; Artigianato Artistico; Grande Distribuzione Organizzata; Legno-Arredocasa; Meccanico; Navale; Stampa)
  • Botteghe “di filiera”: attivate in una logica di filiera coinvolgendo, cioè, aziende integrate in senso verticale in una delle tre filiere previste dall’Avviso (Abbigliamento-Moda; Agroalimentare-Enogastronomia-Ristorazione; Legno-Arredocasa).

 Alle Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione, possono partecipare le aziende in possesso di specifici Codici Ateco indicati nell’Appendice dell’Avviso, ma anche aziende operanti nell’artigianato digitale, che impieghino tecnologie digitali per la fabbricazione di nuovi prodotti o per lo sviluppo di processi produttivi non convenzionali, con particolare riferimento a:

  • modellizzazione e stampa 3D
  • strumenti di prototipazione elettronica avanzata e software dinamici
  • tecnologie di “open hardware”
  • lavorazioni digitali quali il taglio laser e la fresatura a controllo numerico

Modalità e termini per la presentazione dei progetti di Bottega

Il plico, contenente tutta la documentazione richiesta alle aziende e indicata nel bando, deve pervenire esclusivamente a mezzo raccomandata A/R, corriere espresso, oppure consegnato a mano dal lunedì al giovedì, dalle 9.30 alle 13 e dalle 14 alle 16 e il venerdì dalle 9.30 alle 12 al seguente indirizzo: Italia Lavoro S.P.A, via Guidubaldo del Monte, 60 00197 Roma, entro e non oltre le ore 12 dell'8 marzo 2016.

L’Avviso, con la relativa documentazione, è consultabile e scaricabile al seguente link: http://www.italialavoro.it/wps/portal/homepage/bandi/opportunita/ct_bando_spa_botteghe_16/!ut/p/b1/hZDJkqJAGISfxQegq1hLjyVFyyKlhewXAgEVlKVVQHj6dibm2j3_ISP-iC


PER INFORMAZIONI RIVOLGERSI A:

Riferimento: Libera D'Angelo - Lavoro e Affari Sociali
Telefono: 081.5836.170 | E-mail: dangelo@unindustria.na.it

Riferimento: Roberta Acampora - Lavoro e Affari Sociali
Telefono: 081.5836.284 | E-mail: acampora@unindustria.na.it